Seminari e Corsi 2022

Scuola di Psicoterapia


Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica del bambino e dell’Adolescente

Scopri la scuola

logo

C/o Clinica NPI ASST Monza,
Via Pergolesi 33 - 20900

Tel. 333 324 7673
Email: info@asnea.it

Seminari di primavera

OPEN DOORS ASNEA 2022

Presentiamo qui la programmazione dei

Seminari di primavera 2022

OPEN DOORS ASNEA

 

organizzati intorno alle tematiche della psicologia e psicopatologia del bambino e dell’adolescente e della sua famiglia, nelle dimensioni della diagnosi e della cura, della formazione psicoterapeutica e della clinica in generale, all’interno del nostro approccio psicodinamico.

Si tratta di seminari che – da un lato – si rivolgono ad operatori che hanno già un bagaglio di riflessioni ed esperienze, con uno sguardo quindi più articolato sulle potenzialità e sfide della clinica, ma – dall’altro – anche a persone che ancora devono strutturare il loro percorso di formazione nella clinica psicodinamica dell’età evolutiva, nella speranza di poter essere ‘usati’ winnicottianamente nel modo più creativo per ciascuno.

Questi eventi di primavera 2022 saranno seguiti in autunno da un altro ciclo di incontri.

Per noi, un approccio che – a partire da Freud e al contributo che moltissimi autori hanno dato successivamente – trova in Donald W. Winnicott un punto di riferimento fondamentale, con l’insegnamento che ci è stato trasmesso da preziosi maestri quali Mario Bertolini e Andreas Giannakoulas, fecondo anche per la ricchezza dell’ambiente formativo, che vede la collaborazione con la U.O. di Neuropsichiatria Infantile e di Psicologia Evolutiva della Clinica NPIA dell’Università di Milano Bicocca – ASST Monza.

La partecipazione a questi incontri che avvengono su Zoom è gratuita e richiede solo una precedente e necessaria iscrizione, tramite l’apposito link, che porta ad una scheda di iscrizione, la cui compilazione è necessaria per la registrazione dei dati.

Il link per la connessione ai seminari verrà mandato alle persone registrate, in tempo utile per la partecipazione.

I seminari avranno luogo nei giorni

giovedì 5 maggio, ore 17-19.30

giovedì 19 maggio, ore 15-17

venerdì 17 giugno ore 17-19.30

 

A tutti il nostro augurio di un ricco e fertile “gioco” condiviso.

Open Doors_1 

 

giovedì 5 maggio 2022, ore 17:00-19:30

FORMAZIONE E TRAS-FORMAZIONE
DELLO PSICOTERAPEUTA,
A PARTIRE 
DAL LAVORO CLINICO

Il percorso di lavoro di ciascun clinico non inizia nel momento in cui si intraprende un itinerario formalizzato di studi, da utilizzare in una realtà descritta come ‘esterna’ né prosegue solo per accumulo di conoscenze, esperienze e rielaborazioni.

Nasce invece da radici più personali, che si collocano nella storia e che esprimono con l’idioma personale di ognuno. Dalle esperienze (prima familiari e poi proprie), si attraversano gli studi scelti tra i vari possibili, e infine le potenzialità trasformative che nascono dell’incontro con i pazienti. L’esito di un lavoro non è semplicisticamente la ‘cura’ di un singolo ma un percorso di trasformazione che riguarda ciascun partecipante al setting clinico, in cui i pazienti possono essere – ci auguriamo  – dei catalizzatori dei processi trasformativi del terapeuta.

Serve ricordare come l’incontro paziente-terapeuta sia connotato da una vitalità che non si esprime solo nel qui-ed-ora, ma ha radici più profonde, esitazioni, sopravvivenze, nuove comprensioni, passaggi e trasformazioni non necessariamente semplici o prive di fatica, verso una crescente ‘autenticità e ricchezza professionale.

Il seminario intende quindi richiamare l’importanza della riflessione sul cambiamento non solo dei pazienti, ma anche su quello dei terapeuti, soprattutto se più giovani.

Lo sforzo rimane sempre quello di riflettere sul ‘chi c’è di volta in volta nella stanza di psicoterapia’, ricordando anche il monito – con grande valore etico – di Michel Foucault

“Vi sono momenti, nella vita, in cui la questione di pensare e vedere in modo diverso da quello in cui si pensa e si vede, è indispensabile per continuare a guardare o a riflettere… cominciare a sapere come e fino a che punto sarebbe possibile pensare in modo diverso” (1984).

Su queste tematiche si confrontano la dr.ssa Susanna CRIVELLARO, psicologa psicoterapeuta ASNEA, la dr.ssa Vanina VEZZALI, psicologa psicoterapeuta, docente ASNEA e candidata psicoanalista SPI, con il dr. Alessio GAMBA, direttore della Scuola di Psicoterapia ASNEA, in dialogo con i partecipanti.

2022 sem FORMAZIONEformazione
Iscriviti al SEMINARIO

Open Doors_2

 

giovedì 19 maggio 2022, ore 15:00-17:00

CORPO  INTERCORPOREITA’

Dialogo con Marta Badoni sul sentire

 

Il seminario prende spunto da alcune riflessioni di Marta Badoni:

 

Come, con chi e per quali vie si comunica nella situazione analitica? Che cosa ci succede, prima o in risposta alla parola, quando siamo in presenza dei nostri pazienti? Come e dove attingiamo le nostre risposte, da quali esperienze, da quali memorie? Va sempre bene pensare con Winnicott all’insediamento della mente nel corpo, o non dobbiamo piuttosto pensare al corpo insito nella mente, suggeritore occulto, ma potente? (Badoni, 2014)”

Esse si inseriscono in una trama teorica e metodologica rigorosa, interrogando – tra le varie tematiche – sulla dimensione del setting, sulla dialettica tra corporeità, mente e soggettivazione nel processo di cura, dove – come scrive –

occorre sentire la presenza dell’altro essendo presenti a sé: un tradimento necessario”.

 

La dr.ssa MARTA BADONI porta la sua profonda esperienza nel lavoro analitico con bambini e adulti, che parte dal lavoro come neuropsichiatra e psicoanalista, prima in Svizzera, dove è stata primario incaricato presso l’Università di Losanna (CH), poi in Italia.

E’ stata professore a contratto presso la Cattedra di Neuropsichiatria Infantile di Pavia. Nel 1993 fonda l’Osservatorio di psicoanalisi del bambino e dell’adolescente, con Antonino Ferro, Dina Vallino e Magda Viola, presso il Centro Milanese di Psicoanalisi.

 

Con lei, la dr.ssa Nunzia Delia ALBANESE, psicoanalista e neuropsichiatra presso la Clinica di NPIA di ASST Monza e la dr.ssa Ester Luigia GERBI,  psicoterapeuta, condivideranno il loro pensiero e del materiale clinico, insieme ai partecipanti.

Iscriviti al SEMINARIO

Open Doors_3

 

venerdì 17 giugno 2022, ore 17:00-19:30

INCONTRARE   LA  GRAVITA ‘ PSICOPATOLOGICA  IN  ADOLESCENZA.

Sintomatologia, radici familiari, approccio clinico

 

Sempre più spesso la clinica psicodinamica e psicoanalitica si trova a che fare con situazioni in cui l’esperienza del ‘crollo’ – parziale o massivo – del paziente, soprattutto adolescente,  costituisce una sfida e un motivo di estremo allarme.
Da un lato sembrano mancare le risorse e anche il tempo per il ristabilimento di una condizione di equilibrio, o manca una richiesta di aiuto che sostenga il lavoro comune o viene addirittura meno la fiducia che ci sia un ambiente capace di sostenere e condividere. Spesso l’impulso è quello provare a ”spegnere l’incendio’, come se la riduzione della sintomatologia fosse l’obiettivo primario.
In certe condizioni, soprattutto suicidarie e autolesive, può esserlo, ma non senza un concomitante lavoro di riflessione sulle radici di questo disagio, in tutte le sue forme di espressione.
 
Winnicott scrive
“Non c’è una cosa che si può chiamare un bambino”, nel senso che, se volete descrivere un bambino vi troverete a descrivere un bambino con qualcuno.
Un bambino non può esistere da solo, ma è essenzialmente parte di un rapporto” (1964).
 
Allo stesso modo non c’è un adolescente o persona senza un suo ambiente e senza una sua propria storia, in cui può cercare di stare o da cui cerca di uscire.
 
Con queste premesse, il seminario riflette su come il lavoro di presa in carico di situazioni gravi possa avere una maggiore capacità di comprensione e di trasformazione se inserisce la sintomatologia e i comportamenti gravemente problematici in un contesto che tiene conto dei vissuti – consci e soprattutto incosci – che hanno alimentato il percorso di ciascuno.
In questo senso, il lavoro psicodinamico con la coppia genitoriale risulta imprescindibile, non solo negli aspetti educativi, ma anche in quelli più profondi legati alle fantasie genitoriali inconsce e alle loro esperienze di vita e di crescita.
 
Allo stesso modo risulta fondamentale il modo di porsi del clinico, la cui capacità di ‘personalizzare soggettivamente’ e portare alla percezione di propri aspetti profondi e autentici in ciascuno dei propri interlocutori rappresenta un indicatore prognostico positivo, se ricordiamo quanto scrive ancora Winnicott:
 
“L’adolescente ha una fiera intolleranza per la falsa soluzione.
Noi possiamo dare qualcosa all’adolescente se, come adulti, non offriamo false soluzioni e invece facciamo fronte alle sue sfide e rispondiamo ai bisogni acuti quando sorgono”.
 
Su queste tematiche discutono il dr. Marco De COPPI, psicologo psicoanalista SPI, il dr. Alessandro RUGGIERI, neuropsichiatra, psicoanalista AIPSI, docente ASNEA in dialogo con la prof.ssa Renata NACINOVICH, Direttore della Clinica NPIA ASST Monza, docente ASNEA  e dell’università di Milano Bicocca, psicoanalista SPI, in dialogo con i partecipanti al seminario.

Iscriviti al SEMINARIO